Intervista a Sara Reginella per Ria Novosti

La mia intervista all’agenzia internazionale di stampa russa “Ria Novosti”, in merito alle problematiche psichiche conseguenti al covid-19.

Questo il LINK all’intervista. Di seguito, la traduzione integrale dal russo.

Intervista a cura di Alexander Logunov per Ria Novosti.

L’esperienza dell’isolamento dovuta a coronavirus, nel lungo termine può essere caratterizzata problemi psicologici tra cui il rischio di uno sviluppo depressivo, disturbi post-traumatici o ideazione suicidaria. In queste condizioni è importante imparare a chiedere aiuto, ha comunicato a RIA Novosti Sara Reginella, psicologa e psicoterapeuta italiana di Ancona.
“Il disturbo post-traumatico può connettersi all’esperienza di isolamento sanitario vissuta da soggetti infettati dal virus. Migliaia di persone, attualmente ricoverate in ospedale o in cura nei reparti di terapia intensiva, trascorrono intere giornate da sole.
L’esperienza con dispositivi di ventilazione, ad esempio, può lasciare una traccia profonda sulla psiche di individui che si stanno riprendendo fisicamente, ma possono soffrire psicologicamente. In terapia intensiva, si può essere costretti a lungo nella stessa posizione e nell’impossibilità di comunicare normalmente – in questi casi si può davvero andare incontro a un disturbo depressivo o a un disturbo post-traumatico “, afferma l’esperta.

Secondo la stessa, con l’insorgenza della sindrome post-traumatica gli ex pazienti possono fare l’esperienza di una serie di flashback e ricordi penosi, intrusivi e ricorrenti.
“Alla fine, tali disturbi possono compromettere seriamente la qualità della vita anche dopo la guarigione dal coronavirus.
L’isolamento prolungato associato alla malattia è un fenomeno a cui nessuno di noi è preparato”, ha detto la dottoressa.
Sara Reginella ha affermato che nella recente pratica ha assistito ad un reale cambiamento nell’atteggiamento delle persone nei confronti dell’epidemia: se all’inizio c’era maggiore speranza, ora in parte è venuta meno. In alcuni casi, la situazione è peggiorata nelle ultime settimane, ha sottolineato.

“Non si sa quanto durerà: sorgono problemi economici, molte paure legate al lavoro e aumenta il pericolo depressivo. L’identità della persona rischia di essere minacciata – se l’identità personale si basa anche sull’avere un determinato lavoro e sul mantenere relazioni sociali, quando queste vengono a mancare, può subentrare un vissuto di perdita.
Tale vissuto può associarsi a un rischio depressivo. Osservo molte persone che avrebbero bisogno di sostegno, le cui condizioni dovrebbero essere monitorate”, ha sottolineato la psicologa.

Ha aggiunto che nella situazione attuale c’è il pericolo di un aumento di casi di suicidio, anche se lei stessa non li ha riscontrati personalmente.
“Come in qualsiasi altra situazione, il rischio aumenta quando non viene fatto nulla.
In tempi di crisi c’è il pericolo di cedere a forme di “autolesionismo”. Quindi le persone devono imparare a chiedere aiuto perché tutti i servizi psicologici e di supporto continuano a funzionare” conclude Sara Reginella.

Intervista a Sara Reginella per Ria Novosti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
× Whatsapp